Per rendere il gioco più eccitante: La Briscola Chiamata

La versione a cinque giocatori, la cosiddetta Briscola chiamata, è tutta un’altra storia. Prima di tutto, ogni giocatore ha otto carte, quindi tutte le carte del mazzo sono immediatamente in gioco. Secondo, si gioca con due squadre, una da due, e l’altra da tre giocatori. Ma, con un tocco di giallo, i tre giocatori non sanno con certezza chi sono i propri compagni di squadra, né lo sa uno della squadra da due.

briscolaEcco come funziona: il giocatore alla destra del mazziere esamina la propria mano e dichiara quanti punti ritiene di totalizzare per la partita in corso. Procedendo in senso orario, gli altri giocatori fanno lo stesso, e ognuno deve fare o una scommessa più alta, oppure passare. Le chiamate continuano fino a quando tutti tranne uno hanno passato. Il giocatore con la chiamata più alta deve quindi chiamare la briscola, una carta specifica. La ragione per cui si deve chiamare la carta specifica e non solo il seme è che chi possiede quella carta diventerà il compagno di squadra del dichiarante. Nessuno degli altri giocatori, quindi, tranne ovviamente il giocatore stesso, sa chi sia a possedere la carta, neanche il dichiarante. Questo sarà rivelato solo quando la briscola come su briscola-online.it viene messa sul tavolo, possibilmente al momento più opportuno. Se il dichiarante si  sente coraggioso, può anche chiamare una carta presente nella propria mano, giocando quindi da solo contro gli altri quattro.

Finito il gioco, il dichiarante e il possessore della briscola sommano i propri punteggi. Se il punteggio è uguale o superiore a quello chiamato, il dichiarante ottiene due punti, e il suo compagno un punto. Tutti gli altri giocatori perdono un punto. Se invece il punteggio è inferiore, il punteggio si assegna al contrario, con la squadra da tre che ottiene 1 punto ciascuno, mentre nella squadra da due il dichiarante perde due punti e il suo compagno un punto. Se il dichiarante ha giocato da solo, i punti in palio sono 4 (da vincere o perdere). Il primo che arriva a 11 vince.

Esiste anche un metodo alternativo per la chiamata, basata sulla classificazione delle carte invece che sui punti. A partire dal giocatore alla destra del mazziere, i giocatori chiamano, ad esempio, “asso”, o “tre”, o “dieci”: chi chiama la carta più bassa diventa il dichiarante e chiama la briscola. Per vincere si devono totalizzare almeno 61 punti (il punteggio è calcolato come nella versione classica). Un’altra variante è la briscola scoperta, in cui ogni giocatore tiene le carte scoperte, visibili a tutti.

This entry was posted in Briscola. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post. Both comments and trackbacks are currently closed.